amore, appartenenza, orgoglio

La Dimora Storica di charme La voce del Fiume nasce dal sogno di una giovane imprenditrice-Premio Thalia 2017 per la cultura dell’ospitalità-orgogliosa della sua terra e della sua gente e dell’amore  per il suo borgo.

Rassegna Stampa

dicono di noi

lucania

Siamo nella Lucania meno conosciuta, ancora da scoprire, che nasconde la sua bellezza in uno scrigno di tesori nascosti.

autenticità ed esperienze

La scelta della Dimora Storica di charme La voce del Fiume, nel borgo di Brienza, ti regala un soggiorno di autenticità e di esperienze.

…per ascoltare la voce del fiume

Una ricca vegetazione di piante e fiori accoglie i visitatori, invitandoli a sedersi ai vari salottini sparsi qua e la all’ombra dei gazebi, per godersi il panorama sul fiume e sulla vallata. Il giardino è il luogo ideale per dedicarsi ad una buona lettura, per rilassarsi ascoltando solo la voce del fiume o per chiacchierare con gli altri ospiti, magari sorseggiando un buon vino da meditazione.

storia, cultura, accoglienza...

La storia, la cultura, le stagioni, l’accoglienza, il cibo offrono all’ospite un’esperienza sensoriale che lascia il segno. Le camere, le suite, gli spazi interni ed esterni e i servizi coccolano il turista che vive come in una fiaba.

la Grotta di Bianca

Una suggestiva location per degustare prodotti e piatti tipici della tradizione lucana, nella narrazione della leggenda di Bianca.

Leggi la storia

La leggenda di Bianca da Brienza

Si narra che intorno alla metà del 1300,nel castello di Brienza, vi abitasse una donna bellissima chiamata Bianca. Siamo nell’antico borgo di Brienza, uno dei luoghi più incantevoli e caratteristici della Lucania, dove il paesaggio è di una bellezza folgorante e la natura che circonda di verde il borgo regala a visitatore un panorama unico.

Di questo magnifico borgo medievale ad attirare l’attenzione è, senza alcuna ombra di dubbio, il maestoso castello che sorge sulla cima rocciosa della circostante valle del Melandro.

Le vicende del castello sono profondamente legate alla storia dell’antica e nobile Famiglia Caracciolo, una delle dinastie più potenti del Meridione italiano, la cui origine risale al X secolo.

Questa antica fortezza angioina custodisce e gelosamente conserva con sé segreti e leggende. Si  narra che intorno alla metà del 1300, proprio nel castello, vi abitasse una giovane bellissima chiamata Bianca. Ella non era una dama qualsiasi: oltre ad essere conosciuta per la sua grazia, stile, sensualità ed eleganza, Bianca si distingueva dalle altre gentildonne del suo stesso rango per essere una grande amante del lusso, le piacevano la bella vita e le ricchezze.

Amava accogliere nel castello i suoi ospiti e amici più cari dando delle grandi feste. Musiche, danze sfrenate, vestiti impreziositi da ricami pregiati, stoffe preziose come la seta provenienti dall’antico e lontano Oriente e fiumi di monete d’oro; durante questi ricevimenti ci si lasciava andare ad ogni genere di sfarzo, lusso e ostentazione.

Bianca partecipava a queste feste indossando sempre dei meravigliosi gioielli di cui andava molto fiera e che erano ammirati da tutti gli ospiti che prendevano parte a questi eventi mondani.

La leggenda narra che il suo immenso tesoro fosse custodito in una stanza segreta del castello che possedeva precisamente 365 stanze, una per ogni giorno dell’anno. La stanza del tesoro era la numero 366 ed era, per ovvie ragioni, inavvicinabile, inaccessibile, segreta e ben nascosta da occhi indiscreti e nemici. Solo Bianca e la sua ancella fidata erano a conoscenza del tragitto per accedervi.

Inaspettatamente un giorno, mentre viaggiava verso Amantea, Bianca fu rapita da pirati che la portarono al di là del Mediterraneo, ad Algeri. Quì un ricco pascià si innamorò perdutamente di lei e la volle caparbiamente

per sé a tutti i costi, tenendola così per sempre lontana dalla sua Brienza. Da allora non si seppe più nulla di Bianca del castello Caracciolo di  Brienza, né di lei, né del suo tesoro. Forse la bellissima donna non riuscì più a tornare nel suo amato borgo e per molto tempo la gente del castello rimpianse la sua scomparsa.

Oggi Si racconta che il suo tesoro sia ancora nascosto in quella segreta stanza del castello e che fa ancora gola a molti. Molti, invano, hanno tentato di perquisire ogni angolo della fortezza di Bianca per accedere al suo inestimabile tesoro.

Dalla dimora storica La voce del fiume si narra che diparte un cunicolo tra la roccia che porta al castello, che sia la strada per raggiungere il tesoro?

il borgo antico

Il castello Caracciolo, il borgo antico con la sua storia e le sue leggende, le sette camere, uniche nel loro genere sorprendono l’ospite che vive una dimensione di altri tempi.